lunedì 28 settembre 2015

Settimana 39: dal 21 al 27 Settembre

E va bene, questa foto ce l'hanno tutte le scrapper di questa terra: è scontata da morire, ne rpendo atto. Ma come si fa  a resistere. La nuovissima macchina fotografica va celebrata!

E poco importa se ancora mi riduco a metterla in modalità automatica per fare una foto decente... (e giuro è davvero così). A diventare una fotografa provetta c'è sempre tempo!

E tenere la compattina nascosta in borsa è sempre una soluzione accettabile...



lunedì 21 settembre 2015

Inauguriamo!!! (Settimana 38: dal 14 al 20 Settembre)

Ovvero: dei Festeggiamenti!!!!!

Ho amiche  che si sono letteralmente disperate per l'arrivo dei famigerati "Anta" e in prossimità dei loro compleanni minacciavano di fuggire in Patagonia o scavare una buca in cui andare a svernare in attesa che passasse il fatidico giorno
Io non sono tra queste.
Fino ad ora, il tempo che passa non mi crea poi molti problemi...a parte un lieve fastidio dovuto alla necesstià di stare all'occhio ai maledetti capelli bianchi, che all'improvviso spuntano come funghi, e all'impossibilità, insorta dopo i 35, di mangiare un intero panettone farcito senza mettere su un etto.
E poi sono una di quelle fermamente convinte che le ricorrenze vadano santificate, i compleanni siano festa nazionale e non ci sia mai un buon motivo per negarsi una serata con i fiocchi.

Così dopo un'estate a fare lo slalom tra compleanni a sorpresa di mezza famiglia , non mi è sembrato vero di avere un'altra occasione per far baldoria. Insomma, la mezza età è un traguardo ragguardevole da raggiungere!
Quindi, con Gio abbiamo deciso (o meglio, io ho deciso, lui si è amorevolmente rassegnato) di unire l'utile e il dilettevole e organizzare una festa per amici, parenti e vicinato e approfittarne anche per innaugurare la casa.

Ed è stato un successone.
Abbiamo cucinato per due giorni di fila, abbiamo impastato, infornato, sbucciato, montato e chi più ne ha più ne metta.
Abbiamo fatto scorta di tutto ciò che c'era di commestibile, messo in cucina persino le cuginette (che credevano di venire a rilassarsi e si sono trovate con due chili di cannoli da farcire, povere anime) e diramato inviti e il 19 sera abbiamo accolto l'arrivo dell'allegra tribù...e siamo lieti di dire che nessuno si è tirato indietro.

Mauri, Anita e Luca sono arrivati da Spezia e sono rimasti a dormire per passare con noi anche il giorno dopo. Tato per non limitarci ad una soa serata di abbuffate e brindisi.
Il vicinato è accorso al gran completo portando fiori e regali (bellissimi fiori e bellissimi regali)




I parenti hanno aderito tutti come al solito... e sono sbarcati in casa in un delirio di chiacchiere, discorsi, regali, dolcetti, urla, risate e casino vario.




E mentre i grandi mangiavano e  parlavano, parlavano e magiavano i piccoli si sono rintanati nella mia stanzetta dello scrap e hanno passato al serata a produrre amenità ipercreative con ogni pezzo di carta a loro disposizione.
Gli unici che apparivano lievemente annoiati erano i tre adolescenti, troppo grandi per scrappare con i bambini e troppo piccoli per non annoiarsi a morte con i discorsi degli adulti.
La prossima volta devo ricordarmi di affittare una playstation solo per loro...



...e poi, ovviamente, le Unne arrivate in anticipo per aiutare con i preparativi...e finite a fare il solito casino tra fotografie e discorsi campati in aria...



Che dire...grazie a tutti...

giovedì 17 settembre 2015

lunedì 14 settembre 2015

Abbiamo una casa! (Settimana 37: dal 3 al 13 Settembre)

Finalmente abbiamo una casa...che sembra davvero una casa e non un accampamento, ne il deposito bagagli di Milano Centrale.
Una casa con le tendine nuove, i quadri appesi al loro posto, i piatti tutti belli e ordinati in cucina e la lavastoviglie che funziona davvero (quella di prima era guasta da due anni...)

Quindi, dopo aver fatto fare turni di pulizia ad amici e parenti, dopo aver ossessionato Gio con la tinta degli asciugamani e la necessità impellentissima di trovare dei comodini che stessero nella nostra micro camera da letto finalmente possiamo dirci soddisfatti.

Ed eccola quindi in tutto il suo splendore...
Partendo dalla camera da letto più piccola del mondo.
Dove c'è davvero solo un letto e due comodini minuscoli, perchè dopotutto, in una stanza da letto non si capisce cosa altro potrebbe servire! :-)




Passando ad una camera degli ospiti davvero minimale... dove sono già attesi suocera, amici vari di Gio, cuginette in visita e amiche di ogni tipo. Inizio a pensare che dovremo distribuire dei biglietti come al cinema.

Ma sia chiaro, il nostro sogno neppure troppo segreto è di poterla presto trasformare nella camera del bimbo (o bimba!!)


A che serve una camera da letto enorme quando si può avere una cabina armadio in cui si riesce quasi a ballare? A nulla!
...vabbè, ballare proprio no, ma ci si gira comunque comodamente e c'è tutto lo spazio necessario a lanciarci dentro qualsiasi cosa non si sappia dove mettere e poi chiudere dietro la porta tutto il casino del mondo. 

Ovviamente si è mantenuta in questa sua versione ordinata e sgombra giusto il tempo di scattare una foto...




Avete presente quandi dicono di regalare diamanti ad una donna per farla felice? Ecco, non serve. Una moglie si rende felice con una scrap room tutta sua, dove potrà incollare, tagliare, dipingere e pasticciare in totale liberà. Quindi, dove prima c'era la nostra cucina ora c'è un tavolo da lavoro e tanto, tantissimo spazio per tutta l'attrezzatura scrap che prima era stipata un po' ovunque, c'è la nostra Tv e persino un divano per far guardare a Gio le partite.

Che non si dica che sono egoista :-)



Nel corridoio che collega la "vecchia casa" con la parte nuova abbiamo deciso di raccontare la storia della nostra coppia tramite le nostre fotografie. Abbiamo appena iniziato, ma direi che la spesa per cornici varie rischia già di diventare una voce consistente del nostro bilancio. Accidenti alla nostra mania di scattare foto ogni 5 minuti...


Ma eccola qui, il nostro orgoglio, la nostra nuovissima zona giorno, con cucina, divano e  tavolo da pranzo.
La stanza dove passiamo la maggior parte del nostro tempo, quella dove invitiamo gli amici e dove sogno di addobbare un enorme albero di Natale.
Il cuore della nostra nuova casetta.






Ah...lo vedete quel buco a lato del frigorifero? Lì andrebbe il nostro forno, che appena consegnato è stato ritirato perchè guasto. Lo abbiamo acceso e dal rumore, sembrava che in cucina stesse atterrando un elicottero.
Aspetto la sostituzione da due mesi buoni...e per una che non vedeva l'ora di mettersi ad infornare biscotti come una casalinga anni cinquanta non è una bella cosa!


A Gio è toccata la vecchia cisterna, aperta dopo più di 40 anni e trasformata in uno studio. Il soffitto a volta, originale, credo glielo invidierò in eterno...ma visto quanto è grossa la mai scrap room, non avevo proprio più voce in capitolo :-)




E per ultimo il nuovo bagno, dall'aria meravigiosamente retrò, e che mi piace così tanto che non lo uso per paura di rovinarlo... e infatti vado praticamente solo nel bagno in camera e inseguo Giovanni per essere certa che non lo lasci mai in disordine.
Quelle piastrelline bianche e nere mi piacciono così tanto che quasi quasi mi commuovo già  solo a guardarle.

Ovviamente spero che queste manie mi passino alla svelta...o mio marito mi farà internare alla prima occasione.


Ci tengo a far presente questa meraviglia ha preso forma solo perchè ho l'impresa più in gamba del nord Italia.
Praticamente hanno realizzato ogni stanza proprio come la sognavo...e non mi hanno mandata a quel paese neppure una volta.

Neppure quando ci ho messo sei mesi a scegliere la cornice dello specchio in bagno!
Se non è pazienza questa... 

lunedì 7 settembre 2015

Settimana 36: dal 31 Agosto al 6 Settembre


Ok.. settimana tranquilla, sarebbe scivolata via senza infamia senza lode se Gio non avesse all'improvviso  deciso che i suoi problemi di vista erano inaccettabili (parliamo di uno con -0,5 diotrie, sia chiaro) ed era ora di farsi gli occhiali. 
E così mi sono ritrovata un marito dall'aria intellettualoide...
Mica male, però...