lunedì 29 maggio 2017

E' stato Amore a prima vista?

Si... No... Bho... Forse...

Perchè nonostante siano passati giorni è davvero impossibile descrivere quella prima ora assieme a nostra figlia.
L'ora più lunga e più corta delle nostre vite.
Non so, sinceramente, se esista l'amore a prima vista in questi casi.
Se ci ripenso la cosa che ricordo meglio è che avevo una paura maledetta, che aveva paura Gio e che ce l'aveva anche lei, la nostra bambina, quando è entrata nella stanza in cui l'aspettavamo.
Il nostro, ammettiamolo, è stato prima di tutto un incontro di terrori.
E di speranze e sogni tutti diversi l'uno dal'altro
Eravamo tutti troppo agitati, troppo spaventati, tutti sotto esame, sotto stress e tutti alle prese con aspettative e ansie e per un'ora abbiamo solo cercato di fare colpo.
Noi su di lei e lei su di noi.

Ma, mentre tornavamo a casa, in macchina, quando abbiamo cominciato a ritrovarci padroni di noi stessi e dei nostri pensieri, allora abbiamo scoperto che si, ci stavamo innamorando.
Di una bimba col vestito della festa e una buffa treccina.
Di una bambina che ha tentato in tutti i modi di dimostrarsi allegra e forte e solare e sorridente. E neppure immagino che fatica le sia costato, alla sua età, fingere di non aver paura di quello che stava succedendo.
Di una bambina che mi ha chiamata mamma dopo meno di venti minuti, giusto per farmi capire subito che non era in cerca di compromessi. E che noi ci stavamo prendendo una grande responsabilità: questa cosa dobbiamo farla funzionare
Perchè non è ammesso sbagliare, d'ora in poi...

In quella stanza si sono incontrate le nostre paure e il desiderio di tutti di diventare una famiglia.
E a chi dice che in una famiglia devi nascerci e non puoi entrarci come si entra nell'esercito io dico che si sbaglia alla grande.
Le famiglie sono fatte di tante cose, di sangue in comune e antenati e patrimoni genetici che si tramandano.
Ma sono anche e soprattutto l'incontro del desiderio di essere madre e padre e figlia: e in questo noi lo siamo senza dubbio

Quindi no, non è stato amore a prima vista, ed è meglio così, perchè l'amore a prima vista è terribilmente sopravvalutato.
E' stato meglio.
E' stato vero... ed è appena all'inizio... ed è tutto nostro...





lunedì 15 maggio 2017

E se passassimo agli ansiolitici?

Questa mattina Gio, ancora nel dormiveglia, se ne esce così:

-Momi, questa notte ho sognato il Nostro Giovedì-
Che per chi non lo sapesse ancora è il giorno del fatidico incontro con nostra figlia.

-E nel sogno lei com'era - faccio io, che ucciderei per sapere che faccia ha e per un attimo ho pensato che sperare in un sogno premonitore non fosse poi troppo assurdo.

E lui, serafico -Ah, non lo so, non ho sognato l'incontro, ma solo l'ansia delle ore prima-
Che dite, lo ammazzo?


lunedì 8 maggio 2017

Ode alle mensole...e a chi te le appende al muro!

(Settimane 17 e 18 Dal 25 Aprile al 7 Maggio)

Devo ammetterlo, dal 21 di Aprile i pensieri miei e di Gio sono abbastanza monotematici.
Nostra figlia.
E niente altro.
Siamo passati da momenti di euforia profonda e iperattività al limite del criminale a ore trascorse sul divano, senza dire una parola, con un sorriso ebete stampato sulla faccia.
Dopo anni di insonnia improvvisamente ci addormentiamo alle dieci e mezzo di sera e la mattina non ci svegliano neppure le cannonate. Nervosismi, ansie, stress e ipocondrie varie si sono volatilizzati da un momento all'altro e adesso, tra un festeggiamento e l'altro (perchè in effetti festeggiamo più o meno una volta ogni due giorni) non ci resta che aspettare che ci sia concesso di incontrare la nostra Giraffina tanto immaginata.

E nell'attesa dell'incontro della vita si poteva pensare di volare basso e prendersela comoda.
Ma siamo sinceri, io sono una che ha ristrutturato casa 3 volte in sette anni senza motivo apparente, vi pare possibile che potessi affrontare questo enorme cambiamento con le mani in mano?
Ovviamente no.
Il copione, quindi, si è ripetuto preciso e puntuale come tutte le altre volte.
Prima una settimana a perlustrate il fido Pinterest, poi un controllo ossessivo del sito dell'Ikea e di tutti i mobilieri che mi piacciono, per finire con quattro pagine di cose da fare, ordinatamente (quasi ordinatamente...) elencate sul mio onnipresente quadernetto.
Purtroppo gli ultimi lavori hanno esaurito le migliorie in muratura che questa casa poteva concedere così mi  sono dovuta limitare ad arredi e suppellettili...e tutt'ora mi sembra impossibile di non aver trovato neppure un muretto da far buttare giù...

Dopo aver trascinato  il mo povero marito per ogni paradiso degli amanti del bricolage, dopo aver scelto scrivania, libreria, aver provato poltrone di ogni foggia e dimensione, dopo essere andata fin ad Alessandria per ordinare l'armadio perché non ne ho trovato nessuno all'altezza in questo comune, dopo aver ragionato tra muri bianchi o muri colorati, tendine si o tendine no è finalmente entrato in gioco il Cugino Francesco, che normalmente fa l'impresario edile, ma che ogni tanto presta braccio e avvitatore elettrico a me e Gio salvandoci dalla nostra stessa inettitudine
Perché, se è vero che sono l'asso del (piccolo) montaggio Ikea è altresì vero che oltre quello non vado e Gio...beh, Gio avrebbe difficoltà anche con le istruzioni del tavolo di Barbie (è rimasta famosa la volta in cui, deciso a dimostrami che chiunque può assemblare una cassettiera, me l'ha montata con tutti i cassetti a rovescio...)
Insomma, in due non riusciremmo ad appendere al muro una mensola neppure con l'intervento del Divino, figuriamoci fissare un'intera libreria.

Ora, ci tengo a dirlo, il Cugino Francesco è l'uomo più paziente dell'universo, lo dimostra il fatto che in nessuna delle nostre ristrutturazioni mi abbia mai messo le mani al collo per ridurmi al silenzio.
E questa volta ha superato se stesso passando un'intera giornata a montare, avvitare, fissare qualsiasi cosa mi venisse in mente, da un numero spropositato di mensole alla libreria in corridoio, passando per lo smantellamento di un lavandino che gli avevo fatto murare meno di due anni fa e una serie infinita di piccoli lavoretti che fatico persino a ricordare.
E visto che per tutto il tempo mi ha avuta intorno, saltellante e agitata mentre montavo comodini e cassettiere porta giochi, a metà mattina, mi ha dato persino accesso alla sua cassetta degli attrezzi dove mi sono innamorata di un fantastico cacciavite a punte scambiabili al cui confronto il mio cacciavite spannato del secolo scorso è morto di vergogna.
Alle cinque e mezza, e solo quando anche l'ultimo pensile era fissato, lo abbiamo liberato, ma solo perché temevamo che la famiglia ci denunciasse per rapimento

Ma quando lui è uscito noi abbiamo potuto tirare fuori i pupazzi e la collezione di libri per l'infanzia che tenevamo in attesa da anni, e ora la camera degli ospiti può finalmente essere  una cameretta per bambini.



Per inciso, la mia infatuazione per il cacciavite di cui sopra deve essere stata proprio spudorata visto che il Cugino me ne ha comprato e recapitato a casa uno uguale in meno di una settimana...

Ah, Gio, negli ultimi due giorni, ha collezionato almeno sei ore all'ikea senza emettere un solo lamento, neppure quando gli ho fatto riempire DUE macchine di cianfrusaglie varie, neppure quando ho preteso che scegliesse quale tappeto rosa tra altri cinque tappeti rosa comprare e nemmeno quando ci ho messo 35 minuti a scegliere la seggiolina (sempre rosa) per la scrivania: quindi credo si ritenga ormai in odore di santità...e potrebbe non avere tutti i torti.